Soluzioni Informatiche CT

Oltre 100 app rimosse dal Google Play Store

Scovate dagli esperti di Google oltre 100 app che contenevano codice malevolo:

Il sistema operativo Android si conferma essere il più bersagliato dagli hacker, in quanto forse il più diffuso, e nonostante i continui controlli da parte degli esperti di Google i pirati informatici riescono sempre e comunque a oltrepassare i controlli e a rilasciare virus e malware nascosti nel codice sorgente di alcune app.

L’ultimo caso riguarda 145 app infette rilasciate sul Google Play Store tra ottobre e novembre 2017, che nascondevano al proprio interno del codice dannoso capace di rubare le informazioni personali degli utenti. Oltre al periodo di pubblicazione, queste applicazioni avevano in comune anche gli sviluppatori, tutti riconducibili alle stesse software house. Google, non appena scoperto l'imbroglio, si è messa subito all’opera e rimuovendo le applicazioni infette dallo Store.

Nel dettaglio i ricercatori di Google hanno scoperto all’interno delle applicazioni dei file eseguibili per Microsoft Windows che solitamente vengono utilizzati come keylogger, quindi potevano essere utilizzati dagli hacker per entrare in possesso di dati personali come password e numero di conte corrente bancario.

Realmente non siamo a conoscenza dei danni che sono stati fatti o se sono stati rubati dati personali in qualche modo, perchè gli eseguibili Windows ovviamente non funzionano su Android, ma basta un po’ di attenzione per non cadere nelle trappole degli hacker. Innanzitutto è consigliabile scaricare le applicazioni solamente dallo store ufficiale e non da store alternativi (come abbiamo più volte consigliato). Inoltre, prima di scaricare un’applicazione controllate sempre chi l’ha sviluppata e se le recensioni degli altri utenti sono positive o per lo più negative. Intanto Google farà sempre le sue verifiche e cercherà di proteggerci ogni giorno sempre di più.

Previous Post